Lunedì 30 novembre, presso la sala Odeion, si apre il convegno internazionale realizzato in occasione del centenario della nascita di Tadeusz Kantor per riflettere sull’attualità del grande artista e uomo di teatro del XX secolo. Le tre giornate di studi, che ripercorrono l’opera del maestro polacco da più versanti, sono introdotte dal video di Achille Perilli mentre le riflessioni conclusive sono affidate a Moni Ovadia – i due artisti che hanno accompagnato l’avventura kantoriana in Italia.
Il convegno, promosso dal dipartimento di Studi europei, americani e interculturali e dal dipartimento di Storia dell’arte e dello spettacolo, analizza gli aspetti culturali e letterari della tradizione polacca ed europea; l’ambito delle arti visive, dalla pittura informale al disegno per la scena, dall’happening all’environment; l’esperienza delle performing arts e i rapporti con il teatro yiddish dell’Ostjudentum, con la tradizione di avanguardia del teatro polacco ed europeo del Novecento e con altri grandi esponenti del teatro contemporaneo.