Aula Chabod (Lettere), 23 maggio, H. 16.00

L'11 settembre, a lungo, è stato il giorno del golpe cileno: il più noto di un periodo di repressione, nel Sud del mondo, di movimenti progressisti e socialisti.
Il governo di Salvador Allende fu ribaltato da Augusto Pinochet, cambiando la storia del Paese.
L'Italia ebbe un ruolo chiave, accogliendo i profughi cileni. Le ripercussioni del golpe furono notevoli, con l’apertura di Berlinguer al compromesso storico.
Cosa accadde in quei giorni? Ne parliamo con Jorge Coulón - fondatore e cantante degli Inti-Illimani -, Patricia Mayorga - corrispondente del giornale cileno "Mercurio" -, Marco Di Maggio - professore di storia contemporanea alla Sapienza - e Ludovico Manzoni - autore del podcast "Golpe. 50 anni di Cile", fra i primi in classifica sulle piattaforme.

L'iniziativa è organizzata dall'associazione SU Sapienza con il contributo dell’Ateneo.