Sabato 23 marzo, alle ore 17.30, nell' Aula magna del Palazzo del Rettorato, si terrà un nuovo appuntamento della 79esima stagione della Iuc – Istituzione universitaria dei concerti con il pianista Nikolai Lugansky. Tra i maggiori eredi della gloriosa scuola pianistica russa Lugansky è acclamato a livello internazionale come “uno degli artisti più straordinari della nostra epoca”, come scrive Le Monde. Il programma proposto per la Iuc spazia da Chopin (Ballata n. 3 in la bemolle maggiore op. 47, Notturno in re bemolle maggiore op. 27 n. 2, Ballata n. 4 in fa minore op. 52) a Mendelssohn (6 Romanze senza parole) con uno speciale omaggio a Rachmaninov nel 150° anniversario della nascita, con una selezione di Etudes Tableaux e i Preludi op. 23 nn. 1, 9, 3, 7, 4, 5.
Pianista di straordinaria profondità e versatilità, Lugansky è noto per le sue interpretazioni di Rachmaninov, Prokofiev, Chopin e Debussy.In carriera ha ricevuto numerosi premi per le registrazioni e i meriti artistici e consolidato i rapporti di lunga data con direttori d'orchestra di alto livello come Kent Nagano, Manfred Honeck, Gianandrea Noseda, Vasily Petrenko. Spesso invitato dalle principali orchestre internazionali, partecipa ad alcuni dei festival più importanti del mondo. Appassionato di musica da camera, collabora spesso con Vadim Repin, Alexander Kniazev, Mischa Maisky e Leonidas Kavakos.