Giovedì 22 ottobre 2020, alle ore 11.00, presso l’Aula magna della Facoltà di Architettura, si terrà  la manifestazione "100 anni di Architettura alla Sapienza". Alla cerimonia interverrà il ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, il rettore della Sapienza Eugenio Gaudio e la preside della Facoltà di Architettura Anna Maria Giovenale.
Due i principali eventi che apriranno le celebrazioni nella sede storica della Facoltà di Valle Giulia: una mostra multimediale e una di materiali d’archivio sulla figura dell’architetto, sul suo ruolo nella società e nella cultura urbana moderna. L’esposizione “Un viaggio tra storia, idee e protagonisti” - curata da un gruppo di docenti della Facoltà di Architettura con la collaborazione di Studio Azzurro - racconta come e grazie a quali personaggi, sia nata la Scuola romana, riferimento per la formazione della figura dell’architetto del ‘900 in Italia e all’estero. Una serie di dialoghi immaginari tra i maestri della Scuola accompagneranno il visitatore in questo viaggio nel tempo. 
Cento anni fa, tra il 1919 e il 1920, negli stessi anni nei quali veniva fondato a Weimar il Bauhaus, nasceva a Roma la prima Facoltà di Architettura d’Italia, allora denominata Regia Scuola Superiore di Architettura.  In occasione di questo anniversario, che cade in un periodo in cui l’architettura e l’università si interrogano sul loro futuro, la Facoltà di Architettura della Sapienza ha inteso ricostruire la propria storia e proiettarsi verso il domani, proponendosi come il luogo di un grande confronto nazionale e internazionale: un anniversario che non vuole essere solo una celebrazione, ma soprattutto un’occasione per guardare avanti ripensando i percorsi di formazione, l’immaginario e la responsabilità sociale dell’architetto negli anni a venire. 
Le celebrazioni proseguiranno nel 2021 con un convegno internazionale a cui parteciperanno tutte le Scuole d’Architettura italiane, nonché le più antiche e le più prestigiose del panorama internazionale, dall’Europa al Giappone, dagli Stati Uniti al Brasile e all’Argentina, dalla Cina e dalla Corea del Sud alla Russia e al Vicino Oriente. A causa dell’attuale emergenza sanitaria, tempi e modi di svolgimento del convegno — in presenza e/o in videoconferenza – saranno definiti prossimamente. Nell’ambito delle celebrazioni, particolare rilievo sarà dato a una sezione interamente dedicata agli studenti, articolata in un workshop focalizzato sulle reti internazionali di coinvolgimento degli studenti e sul loro ruolo nella formazione dell’architetto. Le giornate saranno gestite dagli studenti della Facoltà di Architettura, con la partecipazione di colleghi stranieri - provenienti da diversi Atenei tra cui quelli del Consorzio CIVIS - con il supporto, in termini di supervisior, di docenti della Facoltà.  Tutte le manifestazioni dei 100 anni di Architettura alla Sapienza avranno luogo nella sede di Valle Giulia, profondamente rinnovata nei suoi spazi, interamente cablati per permettere il collegamento a distanza: dal restaurato ingresso monumentale del progetto originario di Enrico Del Debbio, alla Sala di lettura progettata da Costantino Dardi all’inizio degli anni ottanta: la realizzazione di un nuovo spazio espositivo e di nuove infrastrutture in linea con il quadro strategico dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite completano questo ambizioso progetto di riqualificazione.