Giovedì 16 e venerdì 17 giugno, presso la sede di Villa Mirafiori, si tengono due giornate del workshop "Fervidus Ignis: Discorsi sul fuoco tra cinque e seicento", sul tema del fuoco analizzato in diversi ambiti disciplinari. Nella prima giornata, dopo i saluti introduttivi del direttore del dipartimento di Filosofia, Stefano Petrucciani, segue la sessione dal titolo "Fuoco, luce e calore". Venerdì sono previste le due sessioni "Fuochi sotterranei" e "Altri fuochi". Il fuoco è oggetto di studio per la meteorologia, la scienza dei fenomeni sublunari e in particolare di terremoti, eruzioni, esalazioni; per la chimica, che ne fa strumento privilegiato di una nuova forma di 'magia naturale', di manipolazione degli oggetti naturali; per la medicina e la fisiologia, che si interrogano sul ruolo del calore vitale e delle sue manifestazioni; per la fisica, che lo mette al centro delle riflessioni sulla struttura della materia e per la cosmologia, che le novità astronomiche sollecitano a ripensare la struttura dell’universo.Nel corso del workshop intervengono esperti sul tema, provenienti da università nazionali ed internazionali.