Martedì 12 gennaio 2021, alle 11.30, Massimo Cacciari interverrà su "L’idea di sostanza di Spinoza e le sue aporie nella filosofia del Novecento", aprendo il ciclo di incontri "Temi e figure del "Tractatus theologico-politicus" nella filosofia del Novecento", aprendo una riflessione su temi metafisici, esegetici, teologici, psicologici, storico-critici e gnoseologici dell'opera. I saluti istituzionali sono affidati al Direttore del Dipartimento di Filosofia Piergiorgio Donatelli; seguirà la presentazione dell'iniziativa da parte d Pina Totaro. L'incontro, organizzato da Pina Totaro (ILIESI-CNR) e Giovanni Licata (Sapienza), potrà essere seguito tramite la piattaforma Meet (https://meet.google.com/yaf-qiry-kxy).
L'attività seminariale trae spunto dal 350o anniversario della pubblicazione del Trattato (1670) di Spinoza e si propone come un’occasione importante per riflettere sulla profonda influenza nella genesi della modernità esercitata dall'opera. Nella storiografia del Novecento è stata letta soprattutto per il suo rilievo nella storia del pensiero politico, per la novità della sua concezione della democrazia, della libertà dell’uomo, dei rapporti tra la chiesa e lo stato, per la difesa dei diritti e l’appello alla reciproca tolleranza.
Nel ciclo di lezioni che si terranno online nei mesi di gennaio e febbraio 2021, con il patrocinio dell’ILIESI-CNR e del Dipartimento di Filosofia della Sapienza, si affronteranno questi argomenti, senza però tralasciare altri aspetti fondamentali del pensiero di Spinoza. Verrà così sottolineata la presenza di temi metafisici, esegetici, teologici, psicologici, storico-critici e gnoseologici, che tanta influenza hanno avuto sulle filosofie successive e in particolare su autori quali Labriola, Freud, Bergson, Scholem, Lévinas, Strauss e Blumenberg.