Lunedì 8 ottobre, presso la biblioteca Nelson Mandela di Roma, nell'ambito della conferenza sulla giallistica cinese si terrà la presentazione del libro di Lavinia Benedetti "Storia del giallo in Cina", edito da Aracne. All'iniziativa, promossa dall'Istituto Confucio della Sapienza, sarà presente l'autrice, docente in Lingua e letteratura cinese presso l'Università di Catania. Modera l'incontro Paolo De Troia docente del Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali della Sapienza. La letteratura del crimine in Cina «era già pienamente sviluppata molti secoli prima della nascita di Edgar Allan Poe e di Sir Arthur Conan Doyle», scrisse in un suo volume il celebre sinologo olandese van Gulik. Infatti, quando alla fine dell’Ottocento i cinesi “scoprirono” i romanzi polizieschi “all’occidentale”, nell’Impero esisteva già una secolare tradizione narrativa di crimine e di casi giudizia­ri. Partendo da tali premesse il volume rappresenta il primo tentativo, in lingua occidentale, di ricostruzione della storia della letteratura gialla in Cina.